Musica

Canto Moderno Armonico e Contemporaneo_A.Bedin

Alle radici della Voce

Come si può arrivare alla radice della propria voce, ascoltarla e lasciarla fluire attraverso il corpo, liberando le sensazioni del momento?
Quali sono le parti del nostro corpo che subiscono le maggiori tensioni quando usiamo la voce, spezzandone l’energia?
Com’e’ possibile scioglierle, sentendo il respiro e il corpo come un sostegno, anziché come un ostacolo?
Come si può “timbrare” il momento con la propria voce, come un’orma sulla sabbia?
Respiro.
Corpo.
Voce.
“La Voce-strumento”
"La Voce che canta”
“La Voce che parla”
Il laboratorio è un invito alla ricerca del proprio centro di equilibrio sonoro interiore;dell'aspetto estetico, emozionale, spirituale,artistico, corporeo della voce .

IL Laboratorio

La qualità della voce dipende dal paesaggio interno di ognuno di noi, da questa coreografia fragile ed instabile che rispecchia l’equilibrio fisico, emotivo e psichico individuale. Il potenziale vocale di ognuno si esprime attraverso le correnti vitali che circolano nel suo corpo: questo è uno “strumento sonoro”, che bisognerebbe “accordare” regolarmente per stimolare una voce ricca di armonici e soprattutto conforme alla propria personalità.

Accordare il proprio strumento corpo significa dunque favorire la circolazione armoniosa delle correnti vitali,per offrire alla propria voce l’energia necessaria all’espressione della propria individualità La voce e la personalità di una persona sono strettamente collegate l’una all’altra, inseparabili e traducono l’individuo nella sua “totalità”.
Esistono dunque degli stretti rapporti tra il corpo e la voce. E’ necessario per questo motivo che il professionista della voce quale può essere: un attore, un cantante ma anche un insegnante, un avvocato ecc. acquisisca oltre alla sua specifica professionalità, una corretta igiene e tecnica vocale. Attraverso un percorso di training sul respiro e sul corpo, sciogliendo le tensioni emotive e corporee causate da stress e cattive abitudini, scenderemo in profondità verso la voce. Riequilibreremo il corpo partendo dalla pianta dei piedi.
Esploreremo il nostro corpo come cassa acustica che espande i suoni, imparando a sfruttare la struttura muscolare propria di ciascuno, per dare spazio, volume e consistenza al suono naturale. Suoni e parole si disporranno secondo un disegno inconscio lungo il lavoro di composizione che affiora: immagini, luoghi dell'anima che diversamente non si lasciano dire, attraversano il suono delle parole. La melodia dice dell'altro, il ritmo affiora come tempo dell'ascolto, l'armonia disegna nuove relazioni...
Ogni partecipante avrà un modo unico e particolare di mettersi in gioco, seguendo la via tracciata dall'eco delle immagini delle parole, dal gioco delle sensazioni del suono. In questo modo,potrà sperimentare l'essenza della propria voce, liberando il proprio potenziale creativo. Ne risulterà un'espressione più scorrevole, una voce meno affaticata e più ricca di sfumature.
Nel percorso si sonderanno le capacità e la qualità dell’emissione della propria voce e dell’ascolto in rapporto con la postura, la gestualità, il modo di esprimersi. Radicarsi al terreno, esprimere la propria potenza vocale, scoprire la potenzialità della gamma sonora individuale, superare la paura di esprimersi liberamente e sentirsi finalmente centrati e vitali.

Attraverso la ricerca di una respirazione profonda e completa il percorso si propone di aiutare ciascuno dei partecipanti a ritrovare la voce autentica, piena e vera, che si accompagna ad una postura verticale e centrata: perno dell’equilibrio psico-fisico.
Sviluppando le energie del respiro e del suono, il lavoro pratico rimette in discussione l’equilibrio di tensioni che ognuno di noi, in modi diversi, si costruisce a partire dall’infanzia e dall’adolescenza, guidando la personanella progressiva riconquista del proprio mondo emotivo, della propria dimensione mentale e del nucleo centrale da cui l’energia può diffondersi in ogni parte del corpo e da cui parte il controllo di ogni movimento. Un cammino per avventurarsi verso le radici della voce parlata e cantata. Per riscoprire la voce e lasciarla fluire, attraverso il corpo, sul respiro.

docente: Alan Bedin

Per assicurarti un'esperienza il più possibile piacevole in questo sito, utilizziamo cookies anche di terze parti. Continuando la navigazione, dai il tuo consenso al loro utilizzo.