News

LABORATORIO DI CLOWN

LABORATORIO DI CLOWN con GIULIO VANZAN

 

sabato 24 giugno dalle 14 alle 18 

per ragazzi dai 13 ai 17 anni

15 €

 


domenica  25 giugno dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17 

per adulti dai 18+

30 €

 

 

ISCRIZIONI

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSf5Zbm_b9V1CG9WfqojAgyO1mdRUEbDjBjLAU5uDr0Tb2KyEg/viewform



Ancora una volta al CUCA di Sovizzo, un'originale iniziativa del Centro Artistico Musicale Apolloni. Dopo anni di studio, ricerca e viaggio interiore dentro la maschera del clown una proposta formativa nata da un'idea di Alan Bedin e realizzata da Giulo Vanzan, dedicata a chiunque senta l’urgenza d’immergersi in questo mondo di sublime stupidità attraverso la maschera, lo spazio, il movimento, il gioco e, soprattutto il cuore.

Il Clown é un cammino di ricerca poetico e umano che utilizza come strumenti il corpo, lo spazio teatrale e la maschera del naso rosso, in un viaggio attreverso le dimensioni umane della propria vulnerabilitá e delle proprie forze interiori, delle risorse silenziose e passionali che abitano il nostro corpo poetico.

Un’avventura nata nel 2002 passando dalla clownterapia e il volontariato in ospedale, al lavoro teatrale, allo studio delle maschere e l’approfondimento dell’uso della voce. Uno straordinario percorso di ricerca interiore e di comprensione dell’umano e del mondo, per capire che, davvero, tutto é un grande mistero.

La tradizione parla del clown come di un percorso magico, sciamanico, terapeutico, mistico- spirituale, ecc. È tutto vero, ma per Vanzan é una profonda iniziazione alla poetica della vita, un punto di vista sul mondo, e una risposta a una quotidiana ricerca di senso, di accettazione e di espressione di quello che si é.

Giulio Vanzan ha lavorato in progetti internazionali come clown-dottore (in Croazia, Bosnia Herzegovina, Romania, Bolivia e Brasile), ha studiato teatro e il metodo di Jaques Lecoq con prestigiosi insegnanti, ha lavorato sulla poetica della voce e sulla maschera come porta tra mondi, ha vissuto con un monaco indiano per un anno e mezzo, ha realizzato progetti sociali per sei anni in Brasile come consulente ONU e come direttore di una associazione locale.

Da un punto di vista di performance sul clown ha condotto una ricerca personale, coadiuvato dalla maestra, regista e amica Elizabeth Baron, sul tema della poetica del naso rosso, realizzando il monologo in maschera “Pio Mare - Mare Pio” che rappresenta uno dei rari esempi di performance teatrale di clown all’interno di spazi di grande valore drammaturgico e antropologico.

Come formatore ha continuato il lavoro di insegnamento della maschera del clown, assieme alla maschera neutra, al mimo, e al Design Feeling (metodo di creazione di design attraverso processi intuitivi che ho sviluppato con Fernanda Resende a São Paulo e portato con lei in vari contesti formativi) in Italia, Portogallo, Brasile, Stati Uniti e Libano, realizzando anche progetti sociali basati sulla creazione e l’espressone artistica.

Il suo lavoro di insegnamento viene impostato come un percorso di formazione artistico-poetico che contiene anche un forte approccio di crescita personale e di lavoro di gruppo, con il fine di risvegliare, dare forma, vita, gioco e poesia a nuovi clown che possano poi esistere nel mondo portando tutto quello che hanno, cioè sé stessi.

È importante però che una formazione in clown trasmetta a chi la riceve la sicurezza di poter giocare con questa forma, che non é un personaggio, bensì uno stato del proprio Sé, e poter creare, con disponibilità e accettazione, senza paura, ma con tecnica sufficiente per cavalcare il proprio dragone.

La ricerca pedagogica si focalizza su un obiettivo in particolare: aprire lo spazio affinché possa sorgere ed esprimersi la poetica del clown, un universo d’ingenua profondità esplorato solo da pochi grandi maestri, come Chaplin, Benigni, Slava, ecc.

Per questo é necessaria una forte integrazione di struttura e flusso e soprattutto tanto abbandono al cuore e a quello che, attraverso il naso rosso, può donare di più vero, per raccontare delle storie.

Newsletter

Get our newsletter!

Sembra tu sia già iscritto. Click per aggiornare il tuo profilo.

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter

Log in

fb iconLog in with Facebook
create an account

Per assicurarti un'esperienza il più possibile piacevole in questo sito, utilizziamo cookies anche di terze parti. Continuando la navigazione, dai il tuo consenso al loro utilizzo.